Rosso Pomodoro

AccessoriRosso Pomodoro

Rosso Pomodoro

Sì lo so, sicuramente non è uno tra gli happy colors del momento, ma spezziamo una lancia in suo favore! Anche perché ne avrà un estremo bisogno una volta usciti da questo pande.. monio. Perciò caro Rosso, eccoci qui!

Una delle mie tre tinte preferìte, è il colore dell’Archetipo del Fuoco, e di tutte le persone nate sotto il segno dell’Ariete, nonché il colore che si indossa il giorno dell’equinozio di primavera! Se lo indossi comunichi entusiasmo, energia, azione, determinazione e pienezza di vita, quindi serve a dare vigore dopo la stasi lunga e fredda dell’inverno, ma se lo odi ti spaventano i sentimenti travolgenti ed esiti a metterti in gioco. Recenti studi hanno dimostrato che il nostro umore, come pure l’appetito e persino la pressione sanguigna e alcune funzioni metaboliche del nostro organismo vengono influenzate dai colori. Proprio per questo motivo, dovremmo prestare molta attenzione anche ai colori di ciò che mangiamo.

Se dico rosso, che cibo ti viene in mente?

A me il pomodoro! Da buona italiana, lo associo subito al sugo fatto in casa, meglio condito con una foglia di basilico, una spolverata di parmigiano ed è subito una bontà. Pensate che non ci sia correlazione tra alimentazione, cibo e arte? Eppure il famoso frutto è anche noto per aiutarci nella nostra strada verso l’Indipendenza! Il pomodoro è simbolo di nutrimento, di forza che viene da “fuori” e di cui ha ancora bisogno per poter “volare”. Per fare ciò che sogna e vuole per se’, per essere indipendente, per vivere a suo modo! La forma tondeggiante ricorda i testicoli o le cavità uterine, la ricchezza della polpa rossa ed i semini interni, il liquido seminale ed il sangue. Così il pomodoro è simbolo della pienezza della vita che si perpetua naturalmente con piacere e soddisfazione, di benessere e sessualità matura, di energia e forza vitale.

‘la bellezza provoca dolore quando ci viene portata via’

Così disse una volta per definire la sua ricerca artistica, il famoso orafo, incisore, scultore e scenografo marchigiano, Giò Pomodoro (1930-2002). Giorgio ha trascorso tutta la sua vita alla scoperta della bellezza. Ha progettato gioielli – così come opere monumentali – durante la sua carriera, per riportare quella bellezza perduta nella sua vita. E a proposito di gioielli, quando gli si chiedeva come nasceva un gioiello, lui rispondeva che partoriva un gioiello leggendo i Canti Pisani di Ezra Pound: la spinta cioè gli viene dal ritmo della poesia. Una risposta singolare, che ritroviamo nel libro – intervista ‘Gio’ Pomodoro. Ornamenti 1954-1995’. Un catalogo meraviglioso dove si scoprono oltre che gioielli, veri e propri talismani realizzati da un artista che amava il simbolismo arcaico. La sua grande energia creatrice veniva anche da quel cognome così originale e succoso…come il pomodoro! Perciò fate attenzione a non sottovalutare l’importanza del colore quando mangiate e quando vi vestite, se avete bisogno di un ‘potente’ mix di energia vitale e agognate l’indipendenza, fate scorta di …

 

Rosso Pomodoro

Coucou,
Madama Olivea

ixcs
GP/Anello a ricciolo, 1970, oro giallo con pois in smalto rosso, Milano, (Foto Antonia Mulas)

Post a comment